Collaboratore

Giulia Petruzzelli (Zamboni Gruppioni)

Giulia Petruzzelli (Zamboni Gruppioni)

Sono di Bologna, ma sangue, cuore e panza sono tutti pugliesi. Ho un nome facile (se non vivi in Inghilterra, cosa che mi è capitata di fare e..scordati subito la GI, tu sei Julia). In compenso ho tre cognomi: non ci sono nata, a un certo punto mi sono capitati. Ed è stata una cosa molto bella.

Mi piace scrivere, ma degli altri. Questa bio è uno sforzo enorme, lo può confermare Silvia Santachiara, che ci ha messo una vita per estorcermela. Prima di occuparmi di comunicazione ho servito al bar, tenuto ripetizioni e volontariato. Ah, ho anche vissuto in un paesino sperduto in provincia di New York, quello che John Cage – il protagonista di Ally McBeal, non il compositore – prende a ripetere ossessivamente a un certo punto della serie: Poughkeepsie (si legge “puchipsi”).

Ascolto il GR delle 8 mentre mi lavo i denti, e musica solo se consigliata (vorrei fosse snobismo, invece è solo pigrizia). Parlo un sacco, per lavoro e per natura, ma come certi silenzi davvero non ce n’è (vabbè, luogo comune ma suonava bene..). Leggo riviste di casa e arredamento, colleziono ex-voto e francobolli; ho abbandonato le tazze, ci vuole troppo spazio. Ho un fratello, una sorella e, se non fosse che “poi d’estate chi lo tiene?”, avrei anche un gatto. 

*I Suoi Post

Design & Moda

Per filo e per segno: le sculture di Elena Fregni

15-12-2017
Di Giulia Petruzzelli (Zamboni Gruppioni)

Molti fili si sono intrecciati nel mio discorso? Quale filo devo tirare per trovarmi tra le … Read More