Bruna Orlandi

Collaboratore

Ho 40 anni e sono nata qualche anno fa, esattamente il giorno in cui ho concesso all’amore di entrare nella mia vita. Mi rendo conto di essere adulta attraverso le rughe dei miei coetanei. Sola, davanti allo specchio, mi vedo giovane.

Ho una certa idiosincrasia per ciò che va di moda e, se esortata ad acquistare un oggetto perché stra-venduto, io “stra-scappo”. Non seguo le mode ma mi piace anticiparle. Sono molto sensibile all’inutile ed è meglio che non vada in giro da sola con una carta di credito in mano.

Amo mangiare e due volte a settimana percorro 3.796m e 489 gradini per chiedere perdono alla madonna di San Luca. Arrivo su e respiro l’aria della città che nel 2001 ha accolto calorosamente me e i miei timori. Vorrei essere una salutista ma sono cresciuta bevendo buon vino e fumando sigarette.

Ho una cicatrice da varicella al centro della fronte che copro con la frangetta e due tatuaggi piccoli ma con una grande storia.

Mi interessano la cucina, l’arte e il design e ho molte ossessioni che turnano tra loro e che fanno di me una monomaniaca.

Provengo dal mondo della comunicazione e ad esso mi dirigo. Sostanzialmente ci sono dentro da sempre. Ho lavorato in diverse agenzie nella veste di responsabile comunicazione e organizzatrice di eventi. Per un quotidiano locale ho rivestito il ruolo di responsabile diffusione e marketing. Ho ideato e redatto una rubrica on line dedicata alla cucina bolognese su Il Fatto Quotidiano e ho avuto gratificanti esperienze nell’ambito dell’insegnamento.

Sono egocentrica, ironica e perfezionista. Mi descrivono originale e cinica ma credo di assomigliare semplicemente a ciò che sono. L’ultima volta che sono stata in analisi, lo psicoterapeuta che ho consultato mi ha definita eutimica, ma non mi conosce. O forse sì.

Anche io ho dovuto cercare la parola sul vocabolario.

*I Suoi Post

...E Altre Storie

Stefania Giunchi, la lettering artist che ha lasciato il segno al Pratello

18-01-2019
Di Bruna Orlandi

Un paio di disconnessioni di linea, un corriere di Amazon che suona alla porta per consegnarle un pacco e dei costanti brusii di fondo non hanno privato di intensità l’intervista telefonica a Stefania Giunchi, grafica…

Musica & Libri

Quando l’amore non fa soffrire. Materiale Fragile, l’ultimo di Vasco Rialzo

21-12-2018
Di Bruna Orlandi

Una drag queen, una chitarra spagnola, un reading e una mostra fotografica. Questi gli elementi che hanno introdotto e accompagnato il lettore negli ambienti e nelle atmosfere dell’ultimo nato di Vasco Rialzo che, con un…

Visual

Bilbolbul. L’amore ai tempi delle app nelle graphic novel di Ascione e Portolano

23-11-2018
Di Bruna Orlandi

Se mio nonno per dare il primo bacio alla sua amata ha dovuto affrontare una lunga trafila di riti, corteggiamenti e giochi di seduzione, oggi, a distanza di qualche decennio da allora, per incontrarsi con…

...E Altre Storie

Psychiazine porta in terapia su Instagram personaggi di film e letteratura

09-11-2018
Di Bruna Orlandi

È suddiviso in capitoli e ogni paragrafo si apre con una citazione letteraria per poi associare ad un personaggio del cinema o della letteratura un disordine della personalità, con relativa spiegazione e trattamento. A dirla…

Design & Moda

Martino Design e Stepping Stone. Vi raccontiamo chi ha sostenuto About Party

24-09-2018
Di Bruna Orlandi

Gli amanti del design certamente conoscono Martino Design, studio di progettazione di interni e design shop, la cui piccola vetrina nel ghetto ebraico, già ai suoi esordi nel 2009, suggeriva oggetti di ispirazione nordica e…

...E Altre Storie

Su carta igienica, nei freezer dei supermercati, sui muri della città. Le “poesie erranti” di Ma Rea

17-09-2018
Di Bruna Orlandi

Porta sempre con sé uno zaino al cui interno ci sono forbici, scotch, puntine, filo di ferro, patafix e mollette. Il suo tempo lo passa scrivendo, ritagliando e plastificando versi che, senza chiedere permesso, sparge in…