Francesca (Zoe) Paterniani

Collaboratore

Mi chiamo Francesca, per via di una storia strana successa pochi giorni prima della mia nascita, ma mi sarei dovuta chiamare solo Zoe, ed è così che oggi mi conoscono tutti.
Sono nata a giugno sul mare e vivo a Bologna da quasi dieci anni: nonostante le cause di forza maggiore mi portino ad allontanarmi per brevi e frequenti periodi, è questa la città che chiamo casa.
Figlia di una libraia per bambini, sono cresciuta in mezzo alla carta stampata e ho dovuto fare un grande giro per tornare alle mie origini. Dopo la laurea al DAMS e in Arti Visive, ho deciso che ne avevo abbastanza della teoria e ho cominciato il master per l’immagine contemporanea di Fondazione Fotografia Modena, due anni bellissimi passati a gran velocità fra treni, deserti, camere oscure. Oggi collaboro con una casa editrice che fa libri fotografici e gestisco un piccolo spazio espositivo a Bologna, che si chiama Nelumbo Open Project. Ah, e mi sono iscritta a un altro master, tanto per cambiare, in editoria cartacea e digitale.

Fra le cose che mi piacciono di più: i libri di Paolo Nori, le fotografie di Luigi Ghirri, le opere di Sophie Calle, le canzoni dei National e i film di Nanni Moretti.
Le improvvisazioni, le sperimentazioni, gli oroscopi, gli elenchi.

Fra le città in cui ho vissuto: Amsterdam, Amman, L’Avana e Bologna.

Fra le cose mi vengono meglio: parlare quando dovrei stare zitta, pianificare molte più cose di quelle che farò, complicare e poi semplificare, farcire la piadina e organizzare viaggi

*I Suoi Post

Visual

365 volte diverso. Le performance del fotografo Giuseppe Palmisano

15-03-2019
Di Francesca (Zoe) Paterniani

L’estetica sospesa e impeccabile delle sue fotografie si è fatta notare al punto che Ghali gli ha chiesto di realizzare l’artwork per la copertina del singolo Ninna Nanna. Ma Giuseppe Palmisano, in arte iosonopipo, non…

(A) Spasso - cosa fare in cittàVisual

Mostre, incontri, workshop. Arriva Closer, il festival dedicato alla fotografia sociale

07-03-2019
Di Francesca (Zoe) Paterniani

Sono sempre di più, in città, le operazioni culturali che mettono al centro la fotografia e le sue potenzialità narrative: mostre, festival e biennali per scoprire le immagini dei migliori storyteller del nostro tempo, programmazioni…

Visual

Tra mito e realtà. 18 anni di immagini di Silvia Camporesi

28-02-2019
Di Francesca (Zoe) Paterniani

C’è una fotografia del Lago di Resia, fra le cui acque svetta ancora il campanile di Curon Venosta, paese che invece giace sommerso con le sue 163 case e i suoi 523 ettari di terreno…