Laura Bessega

Founder

Il primo incontro con la fotografia avviene nella mia adolescenza e ha le fattezze di un amico di mio padre, un omino esile e magro, che, tornato da un viaggio dove aveva conosciuto Madre Teresa di Calcutta, si insedia sul nostro divano e per la prima volta, con i suoi racconti e le sue immagini, mi fa viaggiare davvero. Successivamente rientro nei ranghi, studio ingegneria, faccio diverse esperienze lavorative. La fotografia vera e propria arriva molto più tardi, complice il mio primo lungo viaggio da sola tra le terre colorate del Perù e della Bolivia. Un viaggio intenso, spirituale, ricco di incontri. E proprio in uno di questi, uno sciamano mi dice che diventerò fotografa. La cosa lì per lì mi fa sorridere, ma rientro in Italia e poco dopo, ancora un po’ incredula, inizio a lavorare come assistente prima e collaboratrice poi della fotografa brasiliana Monica Silva.

La fotografia cambia la mia prospettiva e mi insegna a guardare quando di solito, come dicono gli inglesi, people look but they don’t see.

Le mia passione per le immagini, la cucina e la comunicazione confluisce nella realizzazione di uno speciale per Il Fatto Quotidiano, sezione web.

Dai colori della tavola ai colori della gente, inizio un progetto a quattro mani sull’immigrazione dal titolo Boundless che mi porta in giro per l’Italia. Seguono varie esposizioni tra cui a Bologna nel Cortile D’onore di Palazzo D’Accursio e a Bruxelles al Parlamento Europeo. Prossima tappa la Biennale di Fine Art e Fotografia Documentaristica di Berlino, agosto 2016. L’ultimo incontro è con i ragazzi di Bostick, gruppo con cui ora lavoro.

*I Suoi Post

(A) Spasso - cosa fare in cittàVisual

“Oggi il femminismo è pop”. Arriva il festival “Fucsia”, tra mostre fotografiche, film e talk

19-09-2020
Di Laura Bessega

Fucsia è un colore che prende il nome dall’omonima pianta (Fuchsia) che cresce nell’area montana dell’America centro meridionale. È una tinta tipicamente femminile, ma non è sempre stato così. Nel secolo scorso veniva usata per…

(A) Spasso - cosa fare in cittàVisual

“All’inizio ho avuto paura di raccontare questa storia”. L’Agnello di Mario Piredda

08-09-2020
Di Laura Bessega

Un estratto preso da un rapporto della Cia degli anni sessanta a proposito della Sardegna e dei sardi diceva: “una sorta di ponte libero, ettari ed ettari non cari, quasi spopolati ma abitati da gente,…

(A) Spasso - cosa fare in cittàVisual

Amazonas. Una fotografa e una violinista per due settimane nella foresta amazzonica

03-09-2020
Di Laura Bessega

Immaginate di essere miopi. Immaginate di non vedere il verde dei prati e delle foglie ma solo un paio di colori. Immaginate di avere una visione più ampia, grandangolare e che le vostre prospettive cambino…

(A) Spasso - cosa fare in cittàEventi

Strage di Bologna. Tutti gli appuntamenti, tra cinema, incontri, progetti multimediali e una “maratona social”

29-07-2020
Di Laura Bessega

Tutto ciò che esiste nell’universo è frutto del caso e della necessità. Lo diceva quasi 2500 anni fa Democrito, filosofo della Grecia antica, che insieme a Leucippo fondò l’atomismo e che, per alcuni pensieri straordinariamente…

Visual

World Press Photo, un anno in immagini. Le migliori foto del 2019 scendono in piazza Maggiore

17-07-2020
Di Laura Bessega

Durante un blackout a Kartum, in Sudan, un ragazzo tiene una mano sul petto e recita una poesia, circondato da manifestanti e illuminato dai loro cellulari. Una donna piange un parente, vittima di un Boeing…

(A) Spasso - cosa fare in cittàVisual

Nino Migliori, quattro notti con i resti del DC-9. A quarant’anni si ricorda la strage di Ustica con la mostra Stragedia.

27-06-2020
Di Laura Bessega

  L’ultima volta che sono entrata nell’Ex Chiesa di San Mattia a Bologna è stato tre anni fa. Sono subito stata avvolta dalle melodie di Vivaldi, Satie, Schubert, Bach. Ed ero  letteralmente immersa nei colori,…