Laura Bessega

Founder

Il primo incontro con la fotografia avviene nella mia adolescenza e ha le fattezze di un amico di mio padre, un omino esile e magro, che, tornato da un viaggio dove aveva conosciuto Madre Teresa di Calcutta, si insedia sul nostro divano e per la prima volta, con i suoi racconti e le sue immagini, mi fa viaggiare davvero. Successivamente rientro nei ranghi, studio ingegneria, faccio diverse esperienze lavorative. La fotografia vera e propria arriva molto più tardi, complice il mio primo lungo viaggio da sola tra le terre colorate del Perù e della Bolivia. Un viaggio intenso, spirituale, ricco di incontri. E proprio in uno di questi, uno sciamano mi dice che diventerò fotografa. La cosa lì per lì mi fa sorridere, ma rientro in Italia e poco dopo, ancora un po’ incredula, inizio a lavorare come assistente prima e collaboratrice poi della fotografa brasiliana Monica Silva.

La fotografia cambia la mia prospettiva e mi insegna a guardare quando di solito, come dicono gli inglesi, people look but they don’t see.

Le mia passione per le immagini, la cucina e la comunicazione confluisce nella realizzazione di uno speciale per Il Fatto Quotidiano, sezione web.

Dai colori della tavola ai colori della gente, inizio un progetto a quattro mani sull’immigrazione dal titolo Boundless che mi porta in giro per l’Italia. Seguono varie esposizioni tra cui a Bologna nel Cortile D’onore di Palazzo D’Accursio e a Bruxelles al Parlamento Europeo. Prossima tappa la Biennale di Fine Art e Fotografia Documentaristica di Berlino, agosto 2016. L’ultimo incontro è con i ragazzi di Bostick, gruppo con cui ora lavoro.

*I Suoi Post

Visual

Festival del Cinema di Porretta Terme, arriva Abel Ferrara. Una settimana di proiezioni, anteprime e incontri

02-12-2019
Di Laura Bessega

Sono gli anni 90 e le strade di una New York pre-Giuliani ospitano un continuo via vai di taxi gialli. È pieno giorno. Una Lincoln scura si accosta a un marciapiede. In alto, un grande…

Visual

Children in Sala Borsa. Per la prima volta insieme Elliott Erwitt, Steve McCurry, Dario Mitidieri

23-11-2019
Di Laura Bessega

Elliott Erwitt, Steve McCurry, Dario Mitidieri. Tre nomi che evocano differenze, tre fotografi molto importanti che si distinguono per il loro linguaggio e il loro modo di raccontare il mondo, ma che hanno in comune…

...E Altre Storie

Un corso di cucina diventa una canzone. Esce “Ci sono sogni” dei ragazzi del carcere minorile

19-11-2019
Di Laura Bessega

A metà di via del Pratello, in mezzo al caos e a chi fa le ore piccole, tra bar e osterie, c’è un ex convento del 400. Al suo interno ci sono tanti giovani che…

(A) Spasso - cosa fare in cittàVisual

Cos’è il cinema senza la fotografia? Le immagini del World Press Photo sullo schermo di Piazza Maggiore

15-07-2019
Di Laura Bessega

È il 2015 e Fulvio Bugani partecipa al contest del World Press Photo con il progetto Waria: being a different muslim sulla prima e forse unica scuola coranica per transgender in Indonesia. Un grande maestro della…

EventiVisual

Letizia Battaglia si racconta: “le foto che non ho fatto sono quelle che mi fanno più male”

12-06-2019
Di Laura Bessega

“L’amore è un imbroglio. Se fosse amore non finirebbe mai”. A 15 anni, un giorno esce da scuola. Un ragazzo, un bravo ragazzo, si avvicina e le parla. Il padre la vede. La prende e…

...E Altre Storie

Da Bologna a Jiaxing. Il primo museo del gelato in Cina

05-06-2019
Di Laura Bessega

È sera. In un quartiere popolare di Shangay, Roberto cammina davanti ad un susseguirsi di locali e luci. Poi si ferma ed entra in uno dei ristoranti. Le pareti sono gialle e un po’ logore,…