Laura Bessega

Founder

Il primo incontro con la fotografia avviene nella mia adolescenza e ha le fattezze di un amico di mio padre, un omino esile e magro, che, tornato da un viaggio dove aveva conosciuto Madre Teresa di Calcutta, si insedia sul nostro divano e per la prima volta, con i suoi racconti e le sue immagini, mi fa viaggiare davvero. Successivamente rientro nei ranghi, studio ingegneria, faccio diverse esperienze lavorative. La fotografia vera e propria arriva molto più tardi, complice il mio primo lungo viaggio da sola tra le terre colorate del Perù e della Bolivia. Un viaggio intenso, spirituale, ricco di incontri. E proprio in uno di questi, uno sciamano mi dice che diventerò fotografa. La cosa lì per lì mi fa sorridere, ma rientro in Italia e poco dopo, ancora un po’ incredula, inizio a lavorare come assistente prima e collaboratrice poi della fotografa brasiliana Monica Silva.

La fotografia cambia la mia prospettiva e mi insegna a guardare quando di solito, come dicono gli inglesi, people look but they don’t see.

Le mia passione per le immagini, la cucina e la comunicazione confluisce nella realizzazione di uno speciale per Il Fatto Quotidiano, sezione web.

Dai colori della tavola ai colori della gente, inizio un progetto a quattro mani sull’immigrazione dal titolo Boundless che mi porta in giro per l’Italia. Seguono varie esposizioni tra cui a Bologna nel Cortile D’onore di Palazzo D’Accursio e a Bruxelles al Parlamento Europeo. Prossima tappa la Biennale di Fine Art e Fotografia Documentaristica di Berlino, agosto 2016. L’ultimo incontro è con i ragazzi di Bostick, gruppo con cui ora lavoro.

*I Suoi Post

Visual

“Storie del dormiveglia” al Biografilm. Luca Magi sussurra le vite degli ospiti invisibili del dormitorio Rostom

20-06-2018
Di Elvira Del Guercio, Laura Bessega

Il buio della notte nasconde i volti. Si percepiscono alcune sagome in controluce. Pochi parlano. Frasi brevi e lunghe pause di silenzio si mescolano alle nuvole di fumo che escono dalle loro bocche. Raccontano di…

Visual

Peter Greenaway e la moglie al Biografilm per presentare “The Greenaway Alphabet”, un dialogo tra padre e figlia

18-06-2018
Di Elvira Del Guercio, Laura Bessega

“A ottant’anni morirò, perché un uomo a quest’età non ha più niente da dare”. Una frase forte, lapidaria, soprattutto se detta alla propria figlia. Peter Greenaway, regista, pittore e sceneggiatore, ha partecipato al Biografilm in…

(A) Spasso - cosa fare in città

La società bolognese sotto la lente di Fink. Il grande fotografo americano da Spazio Labò per un progetto site-specific

10-05-2018
Di Laura Bessega

  Un anno fa, sotto le Due Torri, c’era un uomo anziano, mingherlino e schivo, la barba bianca e gli occhi vivaci. Indossava una camicia chiara e un paio di jeans, e appoggiato a una colonna…

Visual

Il destino di diventare fotografa. In mostra da Spazio Labò gli scatti di Mayumi, a cui lo tsunami ha portato via tutto

07-03-2018
Di Laura Bessega

È un’argilla particolarmente scivolosa, si strofina tra le dita e scorre via come i ricordi. Alle 14:46, al largo delle coste nord-orientali del Giappone, nella regione del Tohoku, il giorno 11 marzo 2011, la terra…

(A) Spasso - cosa fare in città

Quando Vivian Maier non era su Google. A Palazzo Pallavicini in mostra 140 scatti della tata fotografa

03-03-2018
Di Laura Bessega

Chi era davvero Vivian Maier? É forse la domanda che circola più spesso sul suo conto. Lei probabilmente avrebbe risposto: “I can be very difficult”. Per molti è una donna misteriosa, un enigma senza soluzione….

Visual

“Bologna fotografata”. La mostra che non vuole chiudere.

08-02-2018
Di Laura Bessega

“Fin dai primi giorni di apertura, abbiamo raccolto lettere che invocano la speranza che ‘Bologna Fotografata’ fosse permanente” , spiega Gianluca Farinelli, direttore della Cineteca di Bologna. Dal 16 febbraio al 2 aprile, nel sottopasso…