(A) Spasso - cosa fare in città

Il Terzo Segreto di Satira all’Europa Cinema. Il collettivo satirico inaugura la nuova stagione di Kinodromo

27-10-2018

Di Valentina Fabbri

Il Terzo Segreto di Satira all’Europa Cinema. Il collettivo satirico inaugura la nuova stagione di Kinodromo

“Meglio fare cose pulite con i soldi sporchi, o cose sporche con soldi puliti?”

Bella domanda. Se lo chiedono anche Stefano, Fabrizio e Enrico. Gestiscono una piccola casa di produzione, sognano di tornare a realizzare documentari a tema sociale, l’occasione si presenta ma ad un patto. Un patto che potrebbe azzerare tutto ciò in cui hanno sempre creduto.

Sarà Si muore tutti democristiani de Il Terzo Segreto di Satira ad aprire la 7ª stagione di Kinodromo. Ad inaugurarla lunedì 29 ottobre alle 20,45 all’Europa Cinema ci sarà proprio il collettivo satirico di videomaker che dal 2011 produce e pubblica sul web e in televisione video di satira sociale/politica, raggiungendo le 12 milioni di visualizzazioni complessive, spalmate su una quarantina di video, con oltre 155.000 iscritti tra Facebook e YouTube.

Dopo avere lasciato il Loft di Via San Rocco 16, Kinodromo lancia una “stagione centrifuga”: l’Europa Cinema verrà utilizzato, come sempre, come semenzaio dove i film germogliano, fioriscono, attraggono e interessano. L’appuntamento sarà sempre ogni lunedì a partire dalle ore 21,15 all’Europa Cinema (Via Pietralata 55), con inizio serata alle 20,45 ogni qualvolta sarà previsto un incontro pre e post visione. Ma non solo, le collaborazioni attivate in questi anni di attività del Loft verranno portate dal collettivo di Kinodromo in tutti gli altri terreni fertili della città, per rendere la visione cinematografica l’elemento collante di una cultura della condivisione e della partecipazione, per non lasciare la rinascita culturale sulle spalle di poche eccellenze.

«Siamo orgogliosi della nostra stagione, per questo ora siamo all’Europa e non al Loft; siamo in continuo cambiamento e cerchiamo di capire dove possiamo essere utili ha detto il presidente di Kinodromo Marco Manfredi I nostri sono film difficili da vedere altrove e ciò rende la nostra sala cinematografica unica e distinta rispetto alle altre. Non siamo una catena di distribuzione di film ma, diversamente, siamo a servizio del cinema, della cultura e della città. Vogliamo diffondere l’idea di cinema popolare senza aspettare che ci vengano assegnati dei film da proiettare, e proiettiamo soprattutto film del territorio per esprimere la comunità attraverso il cinema. È fondamentale per noi avere contatti con chi fa cinema più artigianale e proiettare film con titoli molto forti».

Dopo Si muore tutti democristiani si continua con StellaStrega di Federico Sfascia (lunedì 5 novembre). All’incontro e alla proiezione saranno presenti lo stesso Sfascia, il collettivo di videomaker I Licaoni, Nanni Cobretti e Jackie Lang de I 400 Calci, rivista online che tratta di fantascienza, azione e horror. Poi sarà la volta de Le canzoni del giardino solitario di Elia Andreotti e Pietro F. Pingitore (lunedì 12 novembre), un film nato “dentro” Kinodromo in quanto Andreotti è socio dell’associazione. E infine i biografici La mia casa e i miei coinquilini di Marcella Piccinini (lunedì 19 novembre), sulla vita della poetessa e partigiana Joyce Lussu, e Boom for Real: L’adolescenza di Jean-Michel Basquiat di Sara Driver (lunedì 26 novembre), sulla vita del writer statunitense.

Condividi questo articolo