(A) Spasso - cosa fare in cittàEventi

Le sere d’estate sui colli bolognesi. La nostra guida

22-06-2021

Di Redazione

Anche quest’anno è arrivata, appuntamento fisso, l’ondata di caldo a giugno e con essa la voglia di rifugiarsi al fresco. Per chi vuole passare una serata all’aria aperta e godersi il panorama collinare senza rinunciare a un po’ di cultura e intrattenimento, la soluzione sono i colli bolognesi. A pochi minuti dal centro e con un vasto programma di eventi e incontri open air.

Qui vi consigliamo alcuni posti

 

Fienile Fluò

via di Paderno 9
dal 30 giugno fino a ottobre

 

La rassegna “multiarte” si chiama Scena natura perché ad essa è dedicata, all’influenza che ha sulla nostra creatività e ai legami che le persone instaurano con l’ambiente. A partire dalle arti: il teatro tra spettacoli e passeggiate racconto nella natura, la musica di escurSonica – suoni per i colli con la direzione artistico Francesco Pagoda e il cinema con le proiezioni saranno open air e a numero chiuso curate da Roy Menarini.

Alcuni eventi sono a pagamento, tutti su prenotazione.

Qui il link al programma, selezionando gli eventi sarà possibile prenotare il proprio posto.

Fienile Fluò


Collywood

via dei Colli 54
tutta l’estate

 

A pochi minuti da via d’Azeglio, nell’Orto dei Giusti, un terreno che Syusy Blady ha messo a disposizione di quattro giovani imprenditori, Marco e Luca Putignano, Daniel Santa Maria e Michele Marchi, nasce Collywood, all’insegna della sostenibilità e della filosofia green.

Non si paga un biglietto e, dal momento della colazione fino alla sera dopo cena, c’è internet per chi vuole lavorare o studiare all’aperto.

Il calendario culturale comprende il cinema itinerante della Cinemovel Foundation, presieduta da Ettore Scola. Saranno proiettati i lavori dell’Emilia-Romagna Film Commission e della FilmCommission Bologna, per valorizzare il territorio.

Altro perno è il teatro, con un programma curato dall’attore Fulvio Accogli, fondatore del Bookolica Festival. Con già 25 date, Bruno Belissimo della Vulcano Produzioni si occuperà della parte musicale e dei concerti.

Ci sarà anche una parte dedicata al fitness di Matteo Margiotta e di Villa Pilates.

Ingresso libero e gratuito.

Collywood | Foto di Francesca Gamberini


La collina delle meraviglie

via di Sabbiuno 6
dal giugno a settembre

 

Organizzata dall’associazione Dalla Terra In Su, la rassegna è arrivata alla sua terza edizione. L’idea è che si possano vivere i colli, come in un aperitivo o cena tra amici, ma arricchiti da una programmazione culturale. E allora troviamo i Roulotte Spritz, appuntamenti beverecci con le onlus dell’Emilia-Romagna e i percorsi degustativi a cura della Guida Slow Wine. Oppure si possono ascoltare i protagonisti della scena culturale cittadina. In questo caso sono previste due diverse tipologie di eventi: Gli incontri con l’autore e gli Speaker’s Corner, conversazioni di 45/60 minuti con personaggi di spicco del panorama cittadino che sveleranno i segreti dei loro mestieri.

Tra gli ospiti Stefano Bonaga, Pupi Avati, Jago Corazza, Orea Malià, Fabio Bonifacci e tanti altri ancora.

Sono previste anche attività per i più piccoli come i mercatini con scambio di giocattoli, workshop e laboratori.

L’ingresso è libero, salvo dove specificato, e fino a esaurimento posti.

Qui per info e prenotazioni o anche su whatsapp al 3491717883.

La collina delle meraviglie


Paleotto 11

via del Paleotto 11
dal 15 maggio al 21 settembre

 

Cos’ha cambiato in noi l’ingresso nell’era pandemica? Questa è la domanda che si è posta l’associazione Selene Centro Studi | Ekodanza e che ha portato a una svolta sia creativa sia organizzativa, ripensando alla gestione dello spazio dopo il lockdown. A partire da un’assemblea pubblica aperta a cittadini, associazioni, raggruppamenti per ripensare lo spazio insieme. Il vario cartellone estivo è finalizzato a proteggere e coltivare insieme la natura, l’arte e il pensiero attraverso progetti in residenza, campi estivi musicali, seminari e laboratori di danza e teatro e azioni performative in natura.

E ancora musica sotto gli alberi e un ristoro vegetariano, rigorosamente plastic free.

Alcuni eventi richiedono un biglietto simbolico.

Qui per maggiori info sulla programmazione.

Paleotto 11


Ai 300 scalini

parco San Pellegrino
dal 17 giugno al 12 settembre

 

Estate ai 300 scalini, la rassegna culturale della collina bolognese a cura del Teatro dei Mignoli, quest’anno è incentrata sul tema dell’incontro, per riscoprire la socialità seppellita durante un anno e mezzo di pandemia attraverso l’arte, la condivisione e la cultura.

Dalla poesia di Beatrice Zerbini (ve l’abbiamo presentata qui) alle colazioni spettacolo del ciclo Sunday Morning da Orgatronica, un mix di musica elettronica e ambiente naturale alle serate di Stand Up Comedy,il programma culturale della collina bolognese con vista San Luca è ricco e variegato. Il 25 giugno alle 19 ci sarà un incontro fra Alberto Nerazzini, giornalista indipendente e vicepresidente di DIG – Documentari Inchieste e Giornalismi, e Stefano Liberti, giornalista, regista e scrittore sul tema del suo ultimo libro: Terra bruciata. Come la crisi ambientale sta cambiando l’Italia e la nostra vita.

A luglio il Festival InsOrti dedicato all’arte performativa site specific vivente e situata.

Insieme a Fienile Fluò e Paleotto 11 è previsto anche un trekking Transcollinare.

Non mancheranno i corsi: yoga (ogni mercoledì), scrittura e filosofia.

Si può prenotare online o direttamente sul posto un’ora prima dell’inizio dell’evento. Qui per maggiori informazioni.

Ai 300 scalini


Villa Aldini

via dell’Ossevanza 35/a
dal 26 maggio al 15 ottobre

 

Si chiama Inosservanza e ha accolto la sfida di far rinascere, attraverso la cultura, un luogo simbolico, per anni abbandonato, dei colli bolognesi. Villa Aldini sembra un tempio antico. Dedicata a Napoleone, che guardando il panorama sembra abbia esclamato: «sa c’est superbe!» e in tempi più recenti set di Salò e le 120 giornate di Sodoma di Pasolini e di Almost Blu, è la scenografia perfetta per una programmazione estiva open air.

Si parte con la messa in scena di due progetti speciali Pilade/Pasolini e Antigone/Nacht und Nebel grazie a una presenza artistica stabile gestita da Archiviozeta. Seguirà un progetto su Dostoevskij in occasione del bicentenario della sua nascita, con eventi e letture tratte dalle sue opere. Mentre sarà stabile una book-station a cura di Equi-libristi nella quale libri recuperati saranno a disposizione dei frequentatori perchè possano leggerli e, volendo, anche portarli a casa.

Se si vuole mangiare o bere qualcosa ci pensa il punto ristoro realizzato in collaborazione con Zoo.

Tutte le info qui.

Villa Aldini

Condividi questo articolo