(A) Spasso - cosa fare in città

Entra e spacca tutto. Sei nella rage room

10-12-2018

Di Valentina Fabbri
Foto di Giulia Fini

Entra e spacca tutto. Sei nella rage room

C’è chi porta con sé il servizio da tè della suocera, chi le foto dell’ex da appendere al muro e chi, semplicemente, oggetti vari come vecchi televisori o piatti.

Non ditemi che non avete mai desiderato almeno una volta nella vita di poterlo fare: prendere, in preda ad un momento di nervoso incontrollabile, un qualsiasi oggetto a portata di mano e lanciarlo contro il muro o distruggerlo facendolo a pezzi, ma vi siete bloccati per evitare spiacevoli conseguenze.

Sissi e Sonia, amiche da anni, hanno deciso di dare vita ad un progetto, prendendo spunto dagli Stati Uniti e dal Giappone, dove già da tempo esistono spazi simili, inaugurando qualche mese fa Altrimenti ci arrabbiamo, una rage room, o stanza della rabbia, a San Lazzaro di Savena, offrendo a tutti la possibilità di sfogare, in maniera sana, sicura ed originale stress, rabbia e repressione, accompagnati da musica rock

Mazze, di varie dimensioni e peso, e martelli, non mancano. Basta decidere quali utilizzare.

L’abbiamo provata.

Dentro alla stanza ci sono bottiglie di vetro, mobili di varie forme e misure e altri oggetti.

Tutto è concesso: si possono spaccare con le mazze, oppure gettarli contro il muro; si può gridare a più non posso e distruggere tutto fino all’ultimo coccio rimasto integro.

Quando il semaforo diventa verde parte il timer e si può iniziare, al termine del tempo il semaforo diventa rosso

Ci sono poi mobili che Sissi e Sonia chiamano “La spada nella Roccia”: sono molto resistenti, nessuno è ancora riuscito a distruggerli. I più caparbi vengono stimolati a sfidarsi e a prenderli a mazzate per provare un senso di maggiore soddisfazione e liberazione.

Il magazzino con i pezzi destinati ad essere distrutti

Naturalmente mi hanno fatto indossare tuta, guanti, protezioni varie per ginocchia e gomiti, casco integrale con visiera e scarpe particolari. Il vicinato non è e non è stato un problema: la rage room è stata costruita ad hoc, insonorizzata, e allo stesso tempo all’interno della stanza i rumori si sentono alla perfezione e mi sono potuta godere il suono dei vetri e degli oggetti che andavano in frantumi.

La risposta, ad oggi, è stata molto positiva: circa 70 persone al mese. E diversi hanno deciso di ripetere l’esperienza più volte anche a scopo terapeutico. Sissi mi ha raccontato che alcuni psicologi curiosi si sono presentati per sperimentare e valutare in prima persona questa esperienza, uscendone entusiasti e consigliandola ai loro stessi pazienti. Se ne esce con il sorriso.

Sonia ha aggiunto che paradossalmente, quelle più lanciate e prive di freni inibitori, sono le donne. Gli uomini partecipanti invece sono in netta minoranza, spesso titubanti, quasi bloccati e intimoriti, forse per la paura di affrontare e di non sapere gestire a livello emozionale ciò che potrebbe venire fuori durante il loro sfogo. L’età media dei partecipanti va dai 20 ai 40 anni circa.

Sono dovuta entrare da sola. Sissi e Sonia vogliono che l’esperienza all’interno della rage room sia assolutamente individuale e personale, non di coppia e non di gruppo. Deve essere un momento in cui la persona si dedica totalmente a se stessa.

Per il nuovo anno sono in arrivo nuovi oggetti che si aggiungono alla lista di quelli da poter ridurre in frantumi. Per rimanere aggiornati vi lasciamo il link al sito.

Condividi questo articolo